Ogni giorno molte persone vanno in farmacia -il più delle volte con la prescrizione di uno specialista- per farsi preparare un farmaco galenico o magistrale.

In farmacia, infatti, si possono allestire molti tipi di preparazione, ma spesso si ignora il lavoro di progettazione e la cura che c’è dietro ogni singolo preparato, che deve rispondere a requisiti di sicurezza, efficacia e riproducibilità.

Per garantire questo livello qualitativo sono state redatte le NBP, Norme di Buona Preparazione, che regolamentano tale materia ed in particolare: le materie prime, le modalità di allestimento della preparazione ed il confezionamento. Questi passaggi possono rappresentare un’area di rischio potenziale ed ogni passaggio deve essere  opportunamente monitorato, tracciato e regolamentato. Pertanto queste norme toccano tutte le fasi del lavoro a partire dalle materie prime, che vengono sottoposte ad analisi secondo le indicazioni della Farmacopea Ufficiale e poi registrate e messe in carico attraverso un software che gestisce tutte le attività del laboratorio. Inoltre tutte le procedure effettuate per la realizzazione del preparato galenico e/o magistrale vengono registrate e trascritte su appositi moduli in accordo con le norme di sicurezza e le procedure di igiene (Haccp), vengono elencate le varie fasi di pesata, miscelazione, ripartizione, riempimento e confezionamento fino allo stoccaggio del prodotto finito in apposito luogo a temperatura ed umidità controllate.

In definitiva le NBP intervengono in tutti i singoli passaggi della preparazione che possono essere così schematicamente riassunti:
– materie prime: identificazione dei componenti la formulazione e verifica dell’avvenuto controllo di qualità;
– preparazione del medicinale;
– assicurazione della qualità del preparato finito;
– corretta etichettatura, anche in funzione della dispensazione;
– appropriate condizioni di conservazione delle materie prime, dei preparati finiti e del materiale di confezionamento;
– personale tecnico, che eventualmente opera nel laboratorio, suo addestramento;
– condizioni di pulizia e di ordine del laboratorio;  verifica degli strumenti di misura, delle apparecchiature di controllo e di preparazione, anche per quanto concerne le metodiche adottate;
– documentazione delle operazioni eseguite in relazione alle disposizioni legislative e regolamentari ed alle norme di autodisciplina;
– rifornimento adeguato delle materie prime e di ogni altro materiale utilizzato nella preparazione e nel confezionamento dei preparati.
Tali procedure –che permettono di assicurare al cittadino la massima qualità delle preparazioni in farmacia e la tracciabilità di ogni singolo componente utilizzato- sono state elaborate da Società Italiana Farmacisti Preparatori (SIFAP), Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (SIFO), Associazione Farmaceutici Industria (AFI) e successivamente accreditate dalla FOFI.

Tiziana Trotta – farmacista, responsabile del laboratorio della farmacia europa

@@@

Questa iniziativa rientra nel più ampio PROGETTO SALUTE, un progetto che ha la finalità di diffondere informazioni utili alla salute ed alla prevenzione. Questa campagna informativa verrà periodicamente riproposta ed aggiornata con suggerimenti ricevuti. Se ne condividi lo spirito e le finalità falla tua e CLICCA SU CONDIVIDI e pubblicizzala con i tuoi amici, farai una cosa buona per te e per loro. Grazie.

Progetto salute - La qualità delle preparazioni galeniche (9 photos)
8 agosto 2011

Note: To see the pictures in the original Picasa album, click here