INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 19 maggio 2009 – ore 16,30

Dr. Diego Morigine – medico chirurgo

ABSTRACT DELLA CONFERENZA:

Per parlarvi della medicina nel periodo bellico debbo fare due premesse: le sanzioni dopo la guerra d’Abissinia con la conseguente tessera annonaria e la carenza totale di derrate alimentari alo passaggio ed al fermarsi sul nostro territorio della seconda guerra mondiale. Qualche esempio: per le sanzioni non si trovavano le banane ed il caffè (del caffè si adoperavano i surrogati). Con la tessera annonaria si prendeva solo una determinata quantità di olio, farina, pane ecc. ma se mi domandate cosa mi è mancato durante lo sfollamento per la battaglia di Cassino, sono stati il sale e la carta (di qualsiasi tipo da a adoperare come carta) igienica.

L’altra premessa è che oggi il sistema sanitario nazionale assiste tutti i cittadini italiani residenti, ma all’epoca, c’era il solo medico condotto che curava gratis gli indigenti assistiti dall’ECA; Ente Comunale di Assistenza. L’economia era di tipo rurale e la maggioranza aveva almeno la sua casetta e l’orto, quindi non era iscritto all’ECA. Ciò significa che la maggioranza dei cassinati chiamava il medico quando la patologia si era aggravata.

Ricordo cha a Cassino c’erano solo tre medici ed un chirurgo, il dott. Tari, che aveva una sua clinica, e che c’era un solo dentista, peraltro non odontoiatra, ma professore di scienze.

Ma parliamo di patologia: oggi tutti hanno l’acqua in casa e fanno la doccia con molta comodità. Allora pochissimi avevano l’acqua in casa, c’era la fontana pubblica od il pozzo, dove le donne si approvvigionavano dell’acqua portando in testa la “cannata” e facevano gossip, come si dice oggi. La cannata era un recipiente in terracotta che, essendo poroso, manteneva l’acqua fresca, così come fa la nostra cute con la perspiratio insensibilis che regola la temperatura del nostro corpo. Nelle altre zone del lazio, invece, si adoperava la conca di rame per mantenere sterile l’acqua. Per fare il bagno bisognava scaldare diverse cannate d’acqua, metterla in una “tinozza” e potete immaginare che l’igiene era piuttosto carente.

All’epoca ciò che impressionava di più erano le frequenti maternità, perché l’unico metodo anticoncezionale era l’allattamento prolungato e l’alta mortalità infantile, dovuta soprattutto alle gastroenteriti ed alla poliomielite. E le cause di morte erano differenti da oggi, come dirò in seguito, a parte la falcidia del dopoguerra per la malaria e per lo scoppio dei residuati bellici.

Intanto cominciamo dalle patologie del nostro tegumento:

LA CUTE

Per la carenza di igiene, come ho accennato prima, erano frequenti, specie nei piccoli, le impetigini, i foruncoli, i favi, gli eczemi impetiginati, la tigna del cuoio capelluto, mentre erano pressochè sconosciute le manifestazioni allergiche. Poi durante la battaglia e lo sfollamento, per le condizioni ambientali e la promiscuità, anche gli adulti sono andati soggetti a dette patologie; ed inoltre la scabbia (in dialetto la rogna), le pediculosi da pulci, pidocchi (pediculus capitis e corporis), le piattole dell’inguine, le cimici.

In questo capitolo devo comprendere una affezione dell’immediato dopoguerra che purtroppo ha decimato la popolazione del Cassinate che era rientrata: la malaria terzana, specie la maligna e la quartana. Sono così denominate a seconda se la febbre si presenta dopo tre o quattro giorni e sono dovute alla puntura di un imenottero, la zanzara anofele, che trasmette il plasmodio della malaria. Ciò si è avuto perché, per tattica di difesa, i tedeschi avevano rotto gli argini del fiume rapido allagando tutta la pianura aggravata anche dall’acqua stagnante nei crateri delle bombe degli alleati.

Ma anche un altro pericolo c’è stato nel dopoguerra: le punture di calabroni e vespe che avevano nidificato nei terreni incolti e nei mozziconi di tronchi d’albero.

Bisogna dire che, tranne che per la malaria per la quale si distribuiva il chinino di stato fino ad esaurimento e la atebrina, per le altre patologia c’era poco da fare. Per l’atebrina i cassinati erano diventati tutti itterici – sembravano tutti cinesi.

APPARATO DIGERENTE

Premetto che all’epoca non c’erano i frigoriferi o i congelatori (arrivati negli anni ’50) e nemmeno i supermercati alimentari. C’erano le piccole botteghe, dove si comprava ciò che poteva servire per la giornata. Non esistevano prodotti preconfezionati, per esempio si comprava un etto di conserva, ¾ di kilo di pasta. L’igiene era scarsa, ma si era stati anche antesignani a ciò che si fa oggi: prendi oggi, pagherai dopo. Ma a fiducia, perché si aveva la “libretta” od il “catiern’” in cui il bottegaio segnava l’avere che poi veniva saldato quando si racimolavano i soldi. Si mangiavano prodotti stagionali e del luogo, senza conservanti o coloranti.

Per la cultura agricola, per l’indigenza diffusa, per il tesseramento che passava quantità contingentate di pane, pasta, olio ecc. le malattie dismetaboliche erano pressoché sconosciute. Fa eccezione la steatosi epatica (fegato grasso) e le cirrosi per abuso di vino, la droga dei poveri.

Il cibo prevalente delle nostre campagne era “la pappuccia”, più tipi di verdura cotti nella pignata, pentola in terracotta bombata così da permettere il rimescolamento del contenuto in ebollizione, con condimento di sugna o pezzi non nobili del maiale, con sotto delle fette di pane rosso. Il maiale non mancava nelle case dei cassinati.

Mentre spesso la colazione consisteva in pane e cipolla, diuretica, anti radicali liberi ed anti tumorale, oppure pane e saraca aringa affumicata, allora poco costosa e che, per il sapore forte, si poteva molto suddividere.

Anche un altro uso aiutava la digestione perché, quando i braccianti agricoli pranzavano, in genere i maccheroni alla zita con ottimo sugo e formaggio pecorino, si mettevano seduti per terra attorno ad una grossa scodella e facevano la forchettata a turno, impiegando così tempo per la masticazione. Molto frequenti invece, per l’acqua non sempre potabile, le malattie infettive: gastroenteriti, tifo e paratifo A e B.

Il popolo era un po’ fatalista: curava il tifo con letto, lana e latte, errando, e diceva “ventuno giorni – o dentro o fuori”. La mortalità infantile per queste affezioni era inimmaginabile per la cultura sanitaria di oggi.

Sempre per la poca igiene, specie i piccoli, andavano incontro ad elmintiasi, una parassitosi da vermi intestinali detta “verminara”.

Per le difficoltà nutrizionali si avevano anche patologie carenziali di vitamine. Ho curato, penso, l’ultimo caso in zona di carenza di vitamina PP (acido nicotinico), la pellagra che a Caira chiamavano la “pellinica”.

Debbo includere in questo capitolo, perché direttamente dipendente dai cibi, una affezione endocrina in negativo ed una metabolica in positivo. La Valle dei Santi nel cassinate è zona endemica di gozzo: si incontravano molte donne con il collo gonfio. Oggi non più, sia per la variata alimentazione e stile di vita e sia perché la Società Medica del Cassinate, quando ne ero il presidente, su consiglio del prof. Aldo Pinchera, cassinate, ha proposto per Cassino la vendita del sale iodato per uso domestico; mentre i dismetabolismi, la ipercolesterolemia ed il diabete non insulino dipendente, erano molto rari, anche se il condimento principale era la sugna ed il lardo, poiché la gente si muoveva molto. Del maiale non si buttava nulla, nemmeno la coda.

Per il diabete c’è stata un’analisi statistica che ha fatto variare la dieta. A Napoli, nel periodo bellico, erano diminuiti drasticamente i diabetici, ma non il consumo di pasta per via del mercato nero. Era diminuito, invece, il condimento di essa, quindi le calorie totali. La dieta attuale prevede il 60% di idrati di carbonio.

APPARATO RESPIRATORIO

Nel periodo bellico, e già prima e dopo, per praticità il popolo rurale non adoperava l’ombrello per ripararsi dalla pioggia, ma gli uomini il mantello, le donne lo scialle. Gli uomini per portare gli attrezzi da lavoro, le donne perché portavano in testa tutti gli oggetti, dalla cannata per l’approvvigionamento dell’acqua alle fascine di legna da ardere alle varie spese giornaliere ed anche la culla, di legno o vimini, con il neonato. Ciò comportava che, bagnandosi, ammalassero di patologie da raffreddamento, ma non gravi, perché non c’era lo stress termico, come quando hanno potuto comprare la cucina economica e passavano dall’ambiente cucina surriscaldato alle temperature non riscaldate degli altri ambienti. Negli anziani era frequente la broncopatia ostruttiva cronica. Altra affezione dell’epoca, complice il deperimento organico, era la tubercolosi polmonare. Dal periodo fascista c’era un ente apposito per combatterla e, dopo la guerra, ci si era quasi riusciti. Ma ultimamente si riaffacciano dei casi specie tra gli immigrati. Anche io ho lavorato in un ambiente ad hoc: il reparto medicina dell’ospedale di Sora.

Invece molto rara era l’asma allergica, perché l’organismo, vivendo per lo più all’esterno, era già abituato e, direi vaccinato, al fieno ed ai pollini.

APPARATO CIRCOLATORIO

Erano meno frequenti gli accidenti vascolari da dislipidemia, ma non mancavano gli scompensi cardiaci curati con la digitale o lo strofanto e con i salassi e le sanguisughe. Le sanguisughe, hirago officinalis, venivano comunemente chiamate mignatte. Anche la ipertensione arteriosa, specie le pletoriche, venivano curate con lo stesso sistema o con le iniezioni di mercuriali. I diuretici per bocca sono usciti nel dopoguerra, e così gli altri ipotensivi.

APPARATO LOCOMOTORE

Per l’umidità dell’ambiente (a Cassino c’era molta più nebbia fitta di oggi) e dello bagnarsi per il poco uso dell’ombrello come detto precedentemente, la patologia reumatica, specie mialgica, era molto frequente. Non le rachialgie come oggi che molti soffrono specie di cervicalgia e lombalgia. Perché la gente si muoveva a piedi per andare a fare la spesa e per recarsi al lavoro. Le donne avevano una postura da modelle, perché portavano tutto sulla testa, dalla cannata d’acqua alla spesa giornaliera e gli uomini andvano a lavorare in campagna e, quando c’è stata la ricostruzione di Montecassino, come operai edili, a piedi, passando per tratturi sconnessi, mobilizzando tutti i muscoli. Per cui non rachialgie da errata postura. Anche la gabbia toracica e la respirazione se ne avvantaggiavano. E non mancava l’apporto di sali minerali per il pasto preminente ed a volte unico di verdura. A ciò si aggiunga che una volta i letti erano precursori dei letti ortopedici odierni, perché si adoperavano dei sacconi di sfoglie di mais (le frosciole) e le reti erano di tavole di legno. Debbo purtroppo aggiungere che nell’immediato dopoguerra c’è stata una vera carneficina per lo scoppio dei residuati bellici con fratture o amputazione degli arti e molti, specie bimbi, deceduti.

APPARATO GENITO URINARIO

Una volta il parto si faceva a domicilio con l’assistenza delle “mammane”, che non erano delle ostetriche, ma delle buone praticanti, per cui le infezioni endometriosiche delle partorienti, qualche volta anche mortali, erano frequenti. Si diceva è morte di parto, quasi che il parto fosse un evento patologico, anziché fisiologico.

Frequenti anche le vulvovaginiti per carenza di igiene intima e personale. Per gli uomini a causa di essere militari o lavoratori lontani da casa o per la promiscuità nel periodo dello sfollamento erano soggetti a malattie sessualmente trasmesse, specie la blenorragia, chiamata volgarmente scolo. Per le donne, invece, c’è stato l’orrore delle “marocchinate” con conseguenti malattie, specie la sifilide.

Erano frequenti anche le cistiti e le pielonefriti queste ultime anche per l’ambiente umido e freddo.

SISTEMA NERVOSO CENTRALE

Qui c’è un paradosso. Con la vita disagiata e grama la gente era depressa? No! La depressione era quasi sconosciuta. Malgrado tutto, la gente era molto più felice di oggi ed il rapporto con il prossimo era fraterno con solidarietà. La vita è vita di relazione. Porto per esempio le feste nelle aie alla mietitura ed alla trebbiatura del grano ed alla spoliazione del mais con balli al suono di organetti. Lo scambio di opera: io faccio un lavoro per te e tu farai un lavoro per me. E la gente che trovavo nella stanza dell’ammalato che io, per igiene, con una battuta, mandavo fuori dall’ambiente.

Per concludere, come avevo accennato e come avrete capito, le cause di morte del tempo erano soprattutto infettive anche perché la penicillina in Italia è giunta ben dopo la guerra, e poi gli altri antibiotici.

Pressoché assenti le malattie digestive e dismetaboliche, tranne l’ulcera gastrica, che dopo si è visto causata da un batterio l’Helicobacter pilori. Quasi sconosciute le allergie (io feci la tesi su queste perché era una novità assoluta). Poi sono aumentate per il notevole contatto con gli allergeni: respiratori, alimentari, da contatto, con gli indumenti e le fibre artificiali ecc… Così pure i tumori, sia per la maggiore possibilità di diagnosi sia per il reale aumento per la notevole età media raggiunta sia per il maggiore contatto con sostanze cancerogene.

Chiudo plaudendo alla scienza medica che ha consentito un allungamento ma soprattutto, validità della vita.

Vi ringrazio per la cortese attenzione.

La salute ai tempi della seconda guerra mondiale, 19-05-2009 Rassegna stampa (2 photos)
19 maggio 2009

Note: To see the pictures in the original Picasa album, click here